Il caccia bimotore italiano Imam Ro.57

Imam Ro.57

di redazione
41 letture totali

Il prototipo del Ro 57 era pronto sin dal 1939, ma la produzione fu avviata soltanto tre anni dopo. Tre anni corrispondono a due abissi in campo aeronautico, soprattutto durante la guerra quando la tecnologia avanza a passi da gigante e così il Ro 57 entrò in produzione quando era ormai irrimediabilmente superato.

Furono prodotte due versioni del Ro 57: per l’intercettazione e l’attacco al suolo. La prima era armata con la dotazione standard della Regia Aeronautica in quel periodo, due mitragliatrici pesanti, mentre la seconda, prevista anche per il bombardamento in picchiata e dotata di freni aerodinamici, aveva due cannoni da 20 mm e poteva trasportare sino a 500 Kg di bombe.

Il Ro 57 è un bimotore monoplano ad ala bassa, con struttura e rivestimento interamente metallici, propulso da due motori Fiat radiali.

Principali varianti dello Imam Ro.57

  • Ro.57: versione monoposto da caccia, propulsa da motori radiali Fiat A.74 e armata con due mitragliatrici Breda-Safat da 12.7 mm
  • Ro.57bis: versione destinata al bombardamento in picchiata. In aggiunta alle due mitragliatrici pesanti era armato con due cannoni da 20 mm., poteva trasportare un carico bellico di 500 Kg. Ne furono costruiti circa 75 esemplari.

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Italia
  • Modello: Imam Ro.57
  • Costruttore: Industrie Meccaniche Aeronautiche Meridionali
  • Tipo: Assalto  
  • Motore: 

    2 Fiat A.74 RC 38, radiali a 14 cilindri raffreddati ad aria da 840 HP ciascuno


  • Anno: 1943
  • Apertura alare m.: 12.50
  • Lunghezza m.: 8.80
  • Altezza m.: 2.90
  • Peso al decollo Kg.: 4.055
  • Velocità massima Km/h: 516 a 5.250 m.
  • Quota massima operativa m.: 9.300
  • Autonomia Km: 1.200 
  • Armamento difensivo:

    2 mitragliatrici

  • Equipaggio: 1

Articoli correlati

Lascia un commento