Il Mistel: un aereo usato come bomba volante e uno per il controllo

Mistel

di redazione
40 letture totali

L’idea, per quanto strano possa sembrare, si rivelò tutto sommato buona. Il Mistel era costituito da due aerei uniti, uno Junkers 88 e un Me 109 o un Fw 190 a seconda delle versioni; il pilota si trovava nel caccia e controllava tutto il complesso fino a raggiungere l’obbiettivo. A questo punto fissava i comandi dell’aereo bomba in modo da dirigerlo contro il bersaglio, sganciava il caccia e se la svignava. Con un sistema di pilotaggio remoto, via cavo, manteneva comunque un certo controllo dell’aereo bomba

I risultati furono buoni e vennero progettate azioni molto ambiziose come l’attacco alla base navale inglese di Scapa Flow o quello alle industrie pesanti russe, che però, per vari motivi, rimasero sulla carta.

La carica cava di 3800 Kg che si trovava nella parte anteriore dello Junkers 88 era micidiale e sarebbe stata sufficiente a sfondare le corazze di qualsiasi nave; in realtà i Mistel furono usati raramente contro le navi alleate e la maggior parte degli attacchi di questa insolita arma venne diretta contro i ponti sul Reno.

Il Mistel è formato dall’unione di due aerei: uno Junkers 88, modificato in modo da portare nel muso una carica cava di quasi due tonnellate, e un caccia Fw 190 o Me 109 dove si trova il pilota.

Principali varianti del Mistel

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Germania
  • Modello: Mistel I
  • Costruttore: Junkers Flugzeug und Motorenwerke A.G.
  • Tipo: BombardamentoBombardamento 
  • Motore: 

    2 Junkers Jumo 211 J-1 a 12 cilindri a V raffreddati a liquido da 1.340 HP ciascuno (per lo Junkers 88). Un Daimler Benza DB 601 E-1 a 12 cilindri a V raffreddato a liquido da 1.350 HP (Bf 109 F-4)


  • Anno: 1944
  • Apertura alare m.: 20.00
  • Lunghezza m.: -
  • Altezza m.: -
  • Peso al decollo Kg.: 14.815
  • Velocità massima Km/h: 482
  • Quota massima operativa m.: 760
  • Autonomia Km: 770 
  • Armamento difensivo:
  • Equipaggio: 1

Articoli correlati

Lascia un commento