Henschel Hs 123, bombardiere in picchiata della Luftwaffe

Henschel Hs 123

di redazione
52 letture totali

Primo velivolo espressamente progettato per il bombardamento in picchiata e ultimo biplano usato operativamente dalla Luftwaffe, lo Hs 123 ebbe una breve ma intensa vita operativa nelle campagne di Polonia e Francia, prima di essere sostituito dal famosissimo Junkers 87 Stuka.

Questo biplano deve la sua stessa esistenza ad Ernst Udet, uno dei padri della rinata Luftwaffe, che era un convinto teorico del bombardamento in picchiata. I suoi successi anche nelle prime fasi della campagna di Russia sono indissolubilmente legati all’assoluto dominio dell’aria della Luftwaffe in quel periodo; venendo meno questa condizione lo Hs 123 dimostrava tutta la sua lentezza, finendo facilmente preda dei caccia avversari.

Lo Hs 123 è un biplano monomotore a carrello fisso e motore raffreddato ad aria.

Principali varianti dello Henschel Hs 123

  • Hs 123 V1-V7: questa denominazione fu usata per indicare i primi sette prototipi dell’aereo
  • Hs 123 A-0: denominazione usata per i primi 16 esemplari di pre-serie costruiti
  • Hs 123 A-1: variante in produzione di massa, quella realizzata nel maggior numero di esemplari
  • Hs 123 B: versione migliorata, sviluppata nel 1938 dalla Henschel
  • Hs 123 C: versione prevista per utilizzare il più potente motore BMW 132 da 960 cavalli, ottenuta dalla conversione del prototipo V6

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Germania
  • Modello: Henschel Hs 123 A-1
  • Costruttore: Henschel Flugzeugwerke A.G.
  • Tipo: Caccia BombardiereAssalto  
  • Motore: 

    B.M.W. 132 Dc, radiale a 9 cilindri raffreddato ad aria da 880 HP


  • Anno: 1936
  • Apertura alare m.: 10.50
  • Lunghezza m.: 8.33
  • Altezza m.: 3.21
  • Peso al decollo Kg.: 2.200
  • Velocità massima Km/h: 317 a 1.200 m.
  • Quota massima operativa m.: 9.000
  • Autonomia Km: 860 
  • Armamento difensivo:

    2 mitragliatrici

  • Equipaggio: 1

Articoli correlati

Lascia un commento