Günther Prien, comandante del sommergibile U-47

Günther Prien

di redazione
Pubblicato: Ultimo aggiornamento il: 268 letture totali

Günther Prien nacque in Sassonia, figlio di un giudice e di una casalinga. Quando i genitori si separarono andò a vivere con la madre quindi, all’età di 15 anni, si arruolò nella marina mercantile tedesca per aiutare economicamente la famiglia. Riuscì ad iscriversi alla scuola nave conciliando il lavoro con lo studio e dopo otto anni di studio e lavoro ed aver svolto tutti i lavori più umili a bordo della navi su cui era imbarcato, riuscì a superare gli esami di qualificazione e divenne il quarto ufficiale a bordo della nave passeggeri Hamburg.

Prien continuò a studiare applicandosi al telegrafo, alla manovra, al diritto navale e alla leadership, nel 1931 ottenne il grado di primo ufficiale di coperta ma a quel punto la crisi causata dalla Grande Depressione lo lasciò senza lavoro. Si iscrisse al partito nazista nel 1932, questo in seguito creò vivaci dibattiti riguardo le sue convinzioni politiche, le interpretazioni degli storici sono divise tra chi descrive Prien come un nazista convinto e chi lo tratteggia come un uomo molto ambizioso ma non particolarmente politicizzato. 

Rinunciò alla tessera del partito per potersi arruolare nella Marina Militare, dal gennaio al marzo 1933 ricevette l’addestramento militare conseguendo il grado di cadetto, in seguito seguì vari corsi all’Accademia Navale di Kiel avanzando fino al grado di Guardiamarina che ottenne il 1° gennaio 1935. Il suo addestramento si concluse a bordo del sommergibile U-3.

L’11 maggio 1936 divenne il primo ufficiale dello U-26 comandato da Werner Hartmann (altro futuro asso degli U-Boat), con lo U-26 prese parte ad operazioni belliche nel corso della guerra civile di Spagna. La carriera di Prien procedeva rapidamente: il primo gennaio 1937 ottenne la promozione al grado di sottotenente di vascello, il 17 dicembre 1938 otteneva il comando del sommergibile U-47, un battello appena varato di tipo VIIB e il primo febbraio 1939 otteneva il grado di tenente di vascello. Nel 1939 riuscì anche a sposarsi, la moglie Ingeborg gli avrebbe dato due figli.

La Seconda Guerra Mondiale

Vittorie ottenute

In 10 missioni di guerra Prien affondò 30 navi mercantili per un totale di 162,769 GRT cui va aggiunta la corazzata Royal Oak (30,450 GRT). Danneggiò 8 navi mercantili (62,751 GRT) e una nave da guerra (10,196 GRT)

Decorazioni

  • 22 gennaio 1937: Medaglia di lungo servizio militare nella Wehrmacht
  • 25 settembre 1939: Croce di Ferro di Seconda Classe
  • 17 ottobre 1939: Croce di Ferro di Prima Classe
  • Distintivo di sommergibilista con diamanti
  • Daga con diamanti della Marina
  • 18 ottobre 1939: Croce di Cavaliere della Croce di Ferro
  • 20 ottobre 1940: Croce di Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia
  •  

Navi attaccate

  • 5 settembre 1939, cargo Bosnia (Regno Unito) 2,407 GRT
  • 6 settembre 1939, nave Rio Claro (Regno Unito) 4,086 GRT
  • 7 settembre 1939, nave Gartavon (Regno Unito) 1,777 GRT
  • 14 ottobre 1939, corazzata HMS Royal Oak (Royal Navy) 29,150 GRT
  • 5 dicembre 1939, nave Novasota (Regno Unito) 8,795 GRT
  • 6 dicembre 1939, nave Britta (Norvegia) 6,214 GRT
  • 7 dicembre 1939, nave Tajandoen (Olanda) 8,159 GRT
  • 25 marzo 1940, nave Britta (Danimarca) 1,146 GRT
  • 14 giugno 1940, nave Balmoralwood (Regno Unito) 5,834 GRT
  • 21 giugno 1940, petroliera San Fernando (Regno Unito) 13,056 GRT
  • 24 giugno 1940, nave Cathrine (Panama) 1,885 GRT
  • 27 giugno 1940, nave Lenda (Norvegia) 4,005 GRT
  • 27 giugno 1940, nave Leticia (Olanda) 2,580 GRT
  • 29 giugno 1940, nave Empire Toucan (Regno Unito) 4,421 GRT
  • 30 giugno 1940, nave Georgios Kyriakides (Grecia) 4,201 GRT
  • 2 luglio 1940, trasporto truppe Arandora Star (Regno Unito) 15,501 GRT
  • 2 settembre 1940, cargo Ville de Mons (Belgio) 7,463 GRT
  • 4 settembre 1940, cargo Titan (Regno Unito) 9,035 GRT
  • 7 settembre 1940, nave Neptunian (Regno Unito) 5,155 GRT
  • 7 settembre 1940, nave José de Larringa (Regno Unito) 5,303 GRT
  • 7 settembre 1940, nave Gro (Norvegia) 4,211 GRT
  • 9 settembre 1940, nave Possidon (Grecia) 3,840 GRT
  • 21 settembre 1940, nave Elmbank (Regno Unito) 5,156 GRT (danneggiata)
  • 19 ottobre 1940, nave Uganda (Regno Unito) 4,966 GRT
  • 19 ottobre 1940, nave Shirak (Belgio) 6,023 GRT (danneggiata)
  • 19 ottobre 1940, nave Wandby (Regno Unito) 4,947 GRT
  • 20 ottobre 1940, nave La Estancia (Regno Unito) 5,185 GRT
  • 20 ottobre 1940, nave Whitford Point (Regno Unito) 5,026 GRT
  • 20 ottobre 1940, nave Athelmonarch (Regno Unito) 8,995 GRT (danneggiata)
  • 8 novembre 1940, nave Goncalo Velho (Portogallo) 8,995 GRT (danneggiata)
  • 2 dicembre 1940, nave Ville d’Arlon (Belgio) 7,555 GRT
  • 2 dicembre 1940, nave Conch (Regno Unito) 8,376 GRT (danneggiata)
  • 2 dicembre 1940, nave Dunsley (Regno Unito) 8,376 GRT (danneggiata)
  • 26 febbraio 1941, nave Kasongo (Belgio) 5,254 GRT
  • 26 febbraio 1941, nave Diala (Regno Unito) 8,106 GRT (danneggiata)
  • 26 febbraio 1941, nave Rydboholm (Svezia) 3,197 GRT
  • 26 febbraio 1941, nave Borgland (Norvegia) 3,636 GRT
  • 28 febbraio 1941, nave Holmlea (Regno Unito) 4,233 GRT
  • 7 marzo 1941, nave Terje Viken (Regno Unito) 20,638 GRT (danneggiata)

Informazioni aggiuntive

  • Data di Nascita: 19 Marzo 1919
  • Data morte: 7 Gennaio 1983
  • Vittorie: 30
  • Forza aerea: U-Boote
  • Bibliografia – Riferimenti 
      

Articoli correlati

Lascia un commento