Il carro armato leggero francese FCM 36

FCM 36

di redazione
Pubblicato: Ultimo aggiornamento il: 264 letture totali

Informazioni aggiuntive

Contemporaneo del Renault R35 e dello Hotchkiss H35, lo FMC 36 venne giudicato dai militari come il migliore dei tre, soprattutto per le sue potenzialità che lasciavano intravedere la possibilità di molti sviluppi. Il problema era il prezzo esorbitante: venne emesso un primo ordine per la produzione di 100 esemplari al costo di 450.000 franchi ciascuno, un prezzo nettamente superiore a quello dei suoi due rivali.
Il centesimo carro venne consegnato il 13 marzo 1939 quando le autorità stavano prendendo in considerazione un secondo ordine di produzione, la FCM decise di raddoppiare il prezzo unitario richiesto e l’ordine fu annullato.

Rispetto a molti carri contemporanei lo FCM presentava delle caratteristiche innovative, in particolare i militari apprezzarono lo scafo a piastre saldate e fortemente inclinate, il motore diesel e la tenuta ermetica del mezzo che era quindi in grado di proteggere l’equipaggio da un attacco effettuato con i gas.

All’armistizio 50 esemplari vennero catturati dai tedeschi che li dimenticarono in un deposito fino al 1943 quando alcuni di questi furono convertiti in cacciacarri Marder I.

Il FCM 36 o Char léger Modèle 1936 FCM fu un carro armato leggero progettato per l’esercito francese prima della Seconda Guerra Mondiale. Prodotto in serie limitata di soli 100 esemplari, questo particolare mezzo si distinse per alcune soluzioni tecniche avanzate per l’epoca, come l’esteso impiego di piastre corazzate saldate e inclinate e l’adozione di un motore diesel. Nonostante le buone caratteristiche, ebbe un ruolo marginale durante la campagna di Francia del 1940, soccombendo insieme al resto delle forze armate francesi sotto i colpi della Wehrmacht.

Sviluppo e produzione

Nel 1933 la Hotchkiss propose all’esercito francese di realizzare un carro armato leggero economico e di facile produzione in grande serie per il supporto della fanteria. In risposta, lo stato maggiore invitò l’intera industria nazionale a presentare progetti alternativi. Alla fine, tre dei prototipi concorrenti sarebbero stati avviati alla produzione: l’Hotchkiss H35, il Renault R35 e, appunto, lo FCM 36.

La Forges et Chantiers de la Méditerranée (FCM) di Tolone aveva già esperienza nella produzione di carri armati, avendo realizzato i dieci giganteschi Char 2C nel 1921 e collaborato allo sviluppo dello Char B1. L’ingegnere Bourdot, già autore delle sospensioni del Char B, fu incaricato di creare un progetto moderno sfruttando appieno le capacità di saldatura elettrica del cantiere. Nel marzo 1934 presentò un modello in legno che fu approvato dall’esercito. Il 2 aprile 1935 il prototipo fu consegnato alla Commission de Vincennes, con una torretta dotata di due mitragliatrici.

La commissione fu positivamente impressionata dal veicolo, specie per la corazzatura saldata e inclinata e per l’impiego di un motore diesel che prometteva una buona autonomia. Tuttavia, il prototipo non poté essere testato per problemi meccanici e fu rispedito al produttore per modifiche. Nei mesi successivi il mezzo fu completamente riprogettato, con un nuovo e più leggero scafo e torretta, sospensioni e cingoli. Dopo ulteriori prove e aggiustamenti, il prototipo fu approvato nel luglio 1936, a condizione di aumentare lo spessore della corazzatura da 30 a 40 mm.

Ancor prima dell’approvazione definitiva però, a causa della rimilitarizzazione tedesca della Renania, il 26 maggio 1936 fu emesso un ordine d’urgenza per 100 FCM 36 al prezzo unitario di 450.000 franchi. I mezzi di serie dovevano essere armati con un cannone da 37 mm. Anche gli Hotchkiss H35 e i Renault R35 sarebbero stati prodotti ma, essendo molto più economici, avrebbero costituito la maggioranza dei carri leggeri francesi.

La ragione per ordinare anche il più costoso FCM 36 stava nel suo potenziale di sviluppo. Era visto come il carro francese più avanzato e avrebbe dovuto fungere da banco di prova per ulteriori miglioramenti. Ciò significava anche che non c’era fretta di avviare la produzione di serie. Le linee furono approntate solo dal dicembre 1936 e la fabbricazione ritardata di un anno per testare un nuovo progetto con motore più potente e cingoli alleggeriti, che però non diede i risultati sperati. Si decise quindi di produrre il modello originale, con le prime consegne che avvennero il 2 maggio 1938.

Nel 1938-39 furono ordinati altri 200 esemplari, ma il 13 marzo 1939, con la consegna del centesimo mezzo del primo lotto, la FCM annunciò che avrebbe interrotto la produzione a meno di un raddoppio del prezzo a 900.000 franchi, a suo dire il costo effettivo. Inoltre, a causa degli aumentati impegni per il Char B1, non avrebbe potuto costruire altri FCM 36 prima del settembre 1940. Di fronte a ciò, l’Ispettorato Generale consentì di cessare la produzione degli scafi.

Le torrette FCM però erano state scelte come standard per tutti i carri leggeri, in sostituzione delle vecchie APX-R afflitte da ritardi e difetti di fusione. Tuttavia, l’adozione del nuovo cannone lungo da 37 mm richiedeva di rinforzare le saldature delle torrette FCM per resistere al maggior rinculo. Perciò i mezzi esistenti non sarebbero stati riarmati.

Caratteristiche tecniche

Lo FCM 36 era un veicolo compatto, lungo 4,46 m, alto 2,20 m e largo 2,14 m, con un equipaggio di due uomini e un peso di 12,35 tonnellate. La corazzatura era costituita da numerose piastre saldate elettricamente in una forma piramidale per evitare spigoli e sfruttare appieno il principio della corazza inclinata. Tale configurazione era unica all’epoca e comprendeva anche i passaruota, protetti da piastre a zig-zag.

Lo spessore delle piastre in acciaio di buona qualità era di 40 mm, inclinati a 30-45° rispetto alla verticale, garantendo una protezione equivalente a circa 45-55 mm, sufficiente a resistere alla maggior parte dei cannoni anticarro coevi. Solo il tetto del vano motore era imbullonato per facilitare l’accesso. L’inclinazione della corazzatura faceva anche deflettere meglio i colpi ad alto angolo d’impatto.

Lo FCM 36 fu l’unico carro francese del periodo effettivamente prodotto con un motore diesel, che gli conferiva un’autonomia superiore di 225 km con serbatoi da 217 litri. Per il resto, rispecchiava gli standard francesi dell’epoca, con prestazioni inferiori alle controparti tedesche, britanniche o sovietiche. Il V-4 diesel Berliet da 91 CV permetteva una velocità massima di appena 24 km/h. Le sospensioni erano semplici, con otto ruote portanti e molloni elicoidali verticali. Il carro poteva superare trincee di 2 m, ostacoli di 70 cm e pendenze dell’80%.

Anche l’armamento era limitato: a parte la mitragliatrice MAC 31 da 7,5 mm in postazione fissa, montava il cannone standard SA 18 da 37 mm L/21, dallo scarso potere perforante. Il munizionamento era di 100 colpi per il cannone e 3.600 per la mitragliatrice.

Nel complesso, lo FCM 36 costituiva un carro dall’impostazione moderna per protezione e mobilità, penalizzato però da un armamento insufficiente e da un rapporto potenza-peso non ottimale, che si traduceva in scarse prestazioni fuoristrada. La complessità costruttiva e i costi elevati ne impedirono la produzione massiccia.

Impiego operativo

Data la limitata produzione, solo poche unità sarebbero state equipaggiate con lo FCM 36. Tuttavia, queste si trovarono a partecipare a un evento chiave del 1940 durante la campagna di Francia: l’attraversamento della Mosa da parte del XIX Panzerkorps di Guderian il 14 maggio.

Nel marzo-aprile 1939 furono creati due battaglioni corazzati leggeri (BCL) su FCM 36, il 4e e il 7e, ciascuno con 45 mezzi. La loro forza organica era di 39 carri (tre compagnie da 13), una compagnia deposito di 6 e 5 mezzi per l’addestramento. Degli altri dieci, otto servivano per l’addestramento dei piloti, uno fu distrutto nel testare una mina Teller e uno rimase presso la fabbrica come prototipo. Con la mobilitazione dell’agosto 1939 i BCL furono ridenominati in battaglioni carri da combattimento (BCC) e assegnati ai reggimenti carri 502e e 503e RCC.

Allo scoppio della guerra nel settembre 1939, i due battaglioni FCM 36 furono riuniti insieme al 3e BCC su R35 nel 503e Groupement de Bataillons de Chars (GBC), la riserva corazzata della 2e Armée schierata sulle Ardenne. Quando la fanteria tedesca il 13 maggio 1940 stabilì una testa di ponte sulla Mosa a Sedan, nel pomeriggio i battaglioni FCM 36 ricevettero l’ordine di contrattaccare per ridurla, cooperando con un reggimento di fanteria.

A causa del crollo dell’ultima linea difensiva francese a Bulson durante la notte e della confusione seguente, l’attacco poté iniziare solo all’alba del 14, quando i primi carri tedeschi presero ad attraversare il fiume su ponti di barche. L’avanguardia corazzata tedesca e il 7e BCC si scontrarono presso Bulson. I carri francesi distrussero alcuni blindati leggeri nemici, ma i loro cannoni poco potenti erano insufficienti per perforare la corazza da 30 mm dei Panzer III, che a loro volta faticavano contro le piastre inclinate degli FCM 36, non disponendo ancora di proiettili perforanti al tungsteno.

Lo scontro fu durissimo, spesso a distanza ravvicinata. Alla fine, la corazzatura aggiuntiva degli FCM 36 cedette e i punti di saldatura, più deboli, furono penetrati, specie agli angoli inferiori della torretta. Il 7e BCC dovette ritirarsi, lasciando sul campo 26 dei 36 carri impegnati. Fallito il suo attacco, anche quello del 4e BCC fu annullato. Quest’ultimo battaglione attaccò e difese Stonne il 15 maggio, ma fu ricacciato da questa posizione chiave con alcune perdite. Fino al 23 maggio rimase aggregato alla 3e DIM.

Entrambi i battaglioni furono quindi tenuti in riserva per ricostituirsi attingendo ai depositi. Durante la seconda fase della campagna eseguirono con successo alcuni contrattacchi il 9-10 giugno sulla posizione dell’Aisne, contro reparti di fanteria tedeschi. Poi cercarono di coprire la ritirata dell’esercito francese, perdendo la maggior parte dei loro 45 carri rimasti in scontri coi panzer.

Impiego tedesco e del dopoguerra

I tedeschi catturarono 37 FCM 36, denominandoli Panzerkampfwagen 737 FCM (f). Dopo un impiego improvvisato nel maggio-giugno 1940, non li usarono come tali. Nel 1943 ne trasformarono 10 in cacciacarri Marder I con cannone PaK 40 da 75 mm (7,5cm PaK40(Sf) auf Geschützwagen FCM(f)), impiegati dalla 21. Panzer-Division in Normandia nel 1944. Altri 12 furono ricostruiti nel 1942 come semoventi d’artiglieria con obice da 105 mm (10,5cm leFH 16/18 (Sf) auf Geschuetzwagen FCM (f)).

Oggi sopravvive un solo FCM 36 al Musée des Blindés di Saumur, restaurato in condizioni di marcia.

Principali varianti del Char léger Modèle 1936 FCM

  • Panzerkampfwagen FCM 36 (f): denominazione usata dai Tedeschi per designare gli esemplari di FCM 36 impiegati
  • 10,5-cm leFH 16 auf Geschützwagen FCM 36(f) 737(f): versione obice semovente, sul telaio di uno FCM 36 venne installato un obice da 105 mm, dopo aver rimosso la torretta. Ne furono realizzati 8 esemplari nel 1942, considerati obsoleti già al momento della conversione.

  • Nome e tipo: Marder I
  • Anno: 1942
  • Produzione: 170
  • Motore: 

    Berliet diesel a 4 cilindri

  • Potenza motore (hp): 91
  • Lunghezza m.: 5.38
  • Larghezza m.: 2.14
  • Altezza m.: 2
  • Peso t.: 8.2
  • Velocità su strada Km/h: 38
  • Autonomia Km.: 225
  • Armamento: 

    1 cannone da 37mm, 1 mitragliatrice da 7.5mm coassiale

  • Corazzatura max mm.: 40
  • Equipaggio: 4-5
  • Bibliografia – Riferimenti:
      

Articoli correlati

Lascia un commento