Menu

Seydlitz

Incrociatore tedesco Seydlitz Incrociatore tedesco Seydlitz

Dopo essere stato impostato il 12 dicembre 1936 nei cantieri Deschimag di Brema, il Seydlitz venne varato il 19 gennaio 1939 ma non riuscì mai a entrare in servizio. La nave non venne mai completata e il 26 agosto 1942 si decise di trasformarla in portaerei, quando era ormai completa circa al 90%. Nel gennaio del 1943 si decisi di abbandonare il progetto, anche a causa della carenza dei materiali necessari per completare i lavori.

Il Seydlitz venne quindi trainato a Konigsberg dove venne affondato il 10 aprile 1945 per bloccare il porto, ormai prossimo a essere conquistato dai Sovietici.

Ultima modifica Mercoledì, 13 Ottobre 2021 17:44

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Germania
  • Pubblicità:
  • Tipo nave: Incrociatore
  • Classe: Admiral Hipper
  • Cantiere:

    Deschimag di Brema

  • Data impostazione: 12/12/1939
  • Data Varo: 19/01/1939
  • Data entrata in servizio: ---
  • Lunghezza m.: 205
  • Larghezza m.: 21.3
  • Immersione m.: 7.7
  • Dislocamento t.: 18.200 a pieno carico
  • Apparato motore:

    12 caldaie con Turbine a vapore Blohm und Voss Weser a ingranaggi su 3 assi

  • Potenza cav.: 132.000
  • Velocità nodi: 32
  • Autonomia miglia: 6.100 a 15 nodi
  • Armamento:

    8 cannoni da 203 mm in quattro torri binate, due a prora e due a poppa, 12 cannoni da 105 mm in 6 barbette binate, 12 cannoni da 37 mm antiaerei, 8 mitragliere da 20 mm, 12 tubi lanciasiluri da 533 mm, 3 idrovolanti Arado Ar 196, una catapulta.

  • Corazzatura:

    Protezione verticale:70-80 mm , orizzontale 12-50 mm, torri 70-105 mm

  • Equipaggio: 1.600

Altro in Kriegsmarine

Lützow

Anche il quarto incrociatore della classe Admiral Hipper non venne mai completato, il Lützow venne venduto all'Unione Sovietica dopo il varo, venne ribattezzato Petropavlovsk e successivamente Tallin e impiegato nella difesa di Leningrado.

Articoli correlati

Altro in questa categoria: « Gneisenau Lützow »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us