Menu

Henschel Hs 129

Henschel Hs 129 Henschel Hs 129

Specializzato nell'assalto e nella lotta anticarro l'Henschel Hs 129 si dimostrò un aereo valido per questi compiti. Le caratteristiche di volo di questo velivolo non erano entusiasmanti, in particolare la velocità era piuttosto bassa, ma ciò era dovuto alla corazzatura che proteggeva il pilota ed all'armamento, particolarmente pesante, adottato.

Il cannone poteva infatti essere da 30 o 40 mm. e fu provata anche l' installazione di un cannone da 75 mm che dava però notevoli problemi di rinculo. Operando principalmente sul fronte russo, lo Hs 129 ottenne buoni successi.

L'Henschel 129 è un monoplano bimotore ad ala bassa, pesantemente armato e corazzato. I motori sono due Argus o Gnome-Rhone a seconda delle versioni.

Principali varianti dello Henschel Hs 129

  • Ha 129 A-0: prototipi
  • Hs 129 A-1: versione in produzione di serie, armata con armamento composto da due cannoni MG 151/20 da 20mm, due mitragliatrici MG 17 da 7.92mm e quattro bombe da 50 Kg sotto la fusoliera
  • Hs 129 B-0: esemplari ottenuti dalla conversione di A-1 montando i motori francesi Gnome-Rhone
  • Hs 129 B-1: versione con motori radiali Gnome-Rhone 14M catturati nella Francia occupata. I motori erogavano al decollo 700 cavalli contro i 465 degli Argus originali.
  • Hs 129 B-2: le consegne del B-2 iniziarono nel maggio 1942, contemporaneamente a quelle dei B-1
  • Hs 129 B-3: il B-3 adottava un cannone anticarro da 75mm derivato dal PaK 40 ed adattato all'uso aeronautico con sistema di caricamento automatico, sistema anti-rinculo e freno di bocca. L'armamento pesava 1.200 Kg, compresi i 12 colpi e metteva l'aereo in grado di distruggere qualsiasi carro armato esistente. L'aumento di peso peraltro causò un ulteriore decadimento delle già non brillanti prestazioni dell'aereo tanto che ne vennero costruiti soltanto 25 esemplari. Sul campo riuscì ad ottenere ottimi risultati ma il numero di esemplari prodotti era insufficiente per dare un contributo significativo all'andamento del conflitto.
  • Hs 129 C: per risolvere i problemi di scarsa potenza dei motori si pensò di usare motori di produzione italiana Isotta Fraschini Delta raffreddati ad aria a V rovesciata da 850 cavalli di potenza per 510 Kg di peso. L'adozione dei due motori italiani si rivelò più complessa del previsto e il progetto andò avanti lentamente tanto che gli impianti di produzione vennero occupati dagli alleati prima ancora che la versione entrasse in produzione di serie.
  • Hs 129 D: versione panificata che avrebbe dovuto adottare due motori Junkers Jumo 211 da 1085 hp opure due BMW 801 da 1539 hp, rimasta allo stadio di progetto
Ultima modifica Domenica, 28 Ottobre 2018 19:23

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Germania
  • Modello: Henschel Hs 129 B-1
  • Costruttore: Henschel Flugzeugwerke A.G.
  • Tipo: Caccia Bombardiere
  • Pubblicità:
  • Motore:

    2 Gnome-Rhone  14M radiali a 14 cilindri, raffreddati ad aria, da 700 HP ciascuno.

  • Anno: 1942
  • Apertura alare m.: 14.20
  • Lunghezza m.: 9.73
  • Altezza m.: 3.25
  • Peso al decollo Kg.: 5.243
  • Velocità massima Km/h: 407 a 3.800 m.
  • Quota massima operativa m.: 9.000
  • Autonomia Km: 690
  • Armamento difensivo:

    2 mtiragliatrici, 2 cannoni da 20 mm., 1 cannone da 30 mm.

     

  • Carico utile Kg.: -
  • Equipaggio: 1

Altro in Luftwaffe

Junkers Ju 188

Lo Ju 188 è un bimotore ad ala bassa, caratterizzato da un' ampia cabina vetrata. L'aereo può essere equipaggiato con motori raffreddati a liquido o ad aria a seconda delle versioni e fu impiegato come bombardiere e come ricognitore.
Altro in questa categoria: « Junkers Ju 290 Junkers Ju 188 »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us