L'ammiraglio Karl Dönitz, comandante degli U-boote tedeschi

Karl Dönitz

di redazione
81 letture totali

Karl Dönitz

Nel 1935, in seguito all’accordo navale anglo-tedesco che consentiva alla Germania un parziale riarmo, Hitler affidò a Dönitz il comando della prima flottiglia di sommergibili U-Boote, la “Weddigen”.
Teorico di prim’ordine, perfezionò le sue idee sulla guerra sottomarina “di profondità”, basando su di esse l’indirizzo dell’addestramento degli equipaggi. Nonostante il fatto che l’industria bellica tedesca non fosse ancora in grado di realizzare il numero di scafi richiesti da Dönitz, questi, promosso contrammiraglio, diresse personalmente le operazioni dei sottomarini spingendoli ad attaccare in superficie e ottenendo notevoli successi.

Nel 1943, già ammiraglio, Dönitz riscontrò una diminuzione dei successi della flotta sottomarina tedesca, a causa delle perfezionate contromisure difensive degli Alleati. Propose allora l’applicazione della sua strategia sulla guerra di profondità, entrando in conflitto con il capo della marina Raeder.
Hitler appoggiò Dönitz favorendo la sua successione a Raeder nella carica di comandante delle forze navali tedesche. Nonostante i progressi tecnologici della marina, il successo finale della logorante battaglia dell’Atlantico spettò agli Anglo-Americani, superiori per numero di mezzi navali.

Nominato da Hitler come proprio successore, alla sua morte assunse la carica di capo del governo e l’8 maggio annunciò al popolo tedesco di aver accettato la resa incondizionata della Germania.
Fu condannato a Norimberga a scontare 10 anni nel carcere di Spandau.

Informazioni aggiuntive

  • Data di nascita: 27 Giugno 1891
  • Data di morte: 24 Dicembre 1980
  • Paese: Germania
  • Forza Armata: Marina
  • Grado: Grandammiraglio 

Articoli correlati

Lascia un commento