L'aereo da attacco giapponese Mitsubishi Ki-51

Mitsubishi Ki-51

di redazione
111 letture totali

Pur non essendo un aereo eccezionale, il Mitsubishi Ki 51 (Sonia nel codice alleato), venne prodotto ininterrottamente per tutta la durata della guerra. Progettato come bombardiere leggero, il Ki 51 si rivelò un aereo ideale per l’attacco al suolo, e le caratteristiche di progetto rimasero praticamente inalterate, dato che durante la produzione non fu mai sottoposto a sostanziali modifiche.

Come molti aerei giapponesi terminò la guerra nel drammatico impiego di aereo suicida nelle missioni Kamikaze.

Il Mitsubishi Ki-51 è un monoplano monomotore ad ala bassa, carrello fisso, motore raffreddato ad aria.

Principali varianti del Mitsubishi Ki-51

  • Ki-51: unica versione di serie, in produzione fino al 1945
  • Ki-51a: versione da ricognizione con fotocamere installate nel posto del navigatore; ne venne realizzato un prototipo ma il progetto non ebbe seguito
  • Ki-71: versione realizzata su tre Ki-51 standard installato il motore Mitsubishi Ha-112 da 1.500 hp e il carrello retrattile; anche questa doveva essere una versione da utilizzare per la ricognizione fotografica ma non ci fu un seguito alla costruzione dei tre esemplari menzionati

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Giappone
  • Modello: Mitsubishi Ki-51
  • Costruttore: Mitsubishi Jukogyo K.K.
  • Tipo: Assalto  
  • Motore: 

    Mitsubishi Ha-26-II, radiale a 14 cilindri, raffreddato ad aria, da 940 HP


  • Anno: 1940
  • Apertura alare m.: 12.10
  • Lunghezza m.: 9.21
  • Altezza m.: 2.73
  • Peso al decollo Kg.: 2.798
  • Velocità massima Km/h: 424 a 3.000 m.
  • Quota massima operativa m.: 8.270
  • Autonomia Km: 1.060 
  • Armamento difensivo:

    3 mirtagliatrici

     

  • Equipaggio: 2

Articoli correlati

Lascia un commento