Il carro armato leggero sovietico T-50

T-50

di redazione
84 letture totali

Venne progettato alla fine degli anni trenta quando i responsabili dell’Armata Rossa si stavano rendendo conto che i mezzi BT e i T-26 in dotazione all’esercito sovietico stavano diventando rapidamente obsoleti. Questi i mezzi infatti, pur avendo un armamento ancora adeguato, non erano sufficientemente protetti e avevano dimostrato di essere vulnerabili ai mezzi anticarro standard.

Venne così iniziata la progettazione di un nuovo carro leggero, armato con un pezzo da 45mm e ben protetto, dal peso di 14 tonnellate che avrebbe dovuto sostituire i predecessori. Gli studi iniziarono nel 1938 ma le valutazioni si protrassero per quasi tre anni, il mezzo infatti aveva dimostrato problemi al propulsore e risultava comunque molto costoso.

Al momento dell’invasione tedesca venne messo frettolosamente in produzione ma ne vennero costruiti solo 69 esemplari, inquadrati tutti in un unico reparto furono impiegati contro la Finlandia. Le truppe finlandesi riuscirono a catturarne uno e lo impiegarono operativamente fino alla fine della guerra, questo mezzo era ancora funzionante nel 1955 quando fu dismesso e donato al museo di Parola, dove si trova tuttora.

La produzione venne interrotta già nell’autunno del 1941 in favore dell’onnipresente T-34.

Informazioni aggiuntive

  • Nome e tipo: Marder I
  • Anno: 1942
  • Produzione: 170
  • Motore: 

    Diesel W-4 a 6 cilindri, raffreddato ad acqua

  • Potenza motore (hp): 300
  • Lunghezza m.: 5.38
  • Larghezza m.: 2.47
  • Altezza m.: 2
  • Peso t.: 8.2
  • Velocità su strada Km/h: 38
  • Autonomia Km.: 220
  • Armamento: 

    1 cannone Model 1932/38 da 45mm, una mitragliatrice da 7.62

     

  • Corazzatura max mm.: 37
  • Equipaggio: 4-5

Articoli correlati

Lascia un commento