Menu

Arado Ar 231

Arado Ar 231 Arado Ar 231

La possibilità di imbarcare sui sommergibili un aereo da adibire all'osservazione e alla ricerca avrebbe grandemente aumentato le prestazioni offensive degli U-Boot tedeschi e a questo scopo fu progettato l'Arado 231, che poteva essere riposto in un tubo di due metri di diametro e montato in pochi minuti. In realtà questo piccolo idrovolante aveva prestazioni talmente scadenti da non giustificarne l'impiego operativo e non ci fu un seguito ai pochi esemplari di preserie costruiti.
L'idea di equipaggiare un sottomarino con un piccolo aereo da ricognizione fu provata anche da altre nazioni, in particolare Gran Bretagna, Francia e Giappone ma nessuna riuscì ad ottenere risultati soddisfacenti; le capacità di osservazione e di individuazione dei bersagli aumentarono drasticamente verso la fine della guerra con l'impiego dell'elettronica, del radar e del sonar nello specifico.

L'Arado Ar 231 fu progettato per essere imbarcato a bordo di unità sottomarine. I sommergibili sono per definizioni piuttosto piccoli e dotati di una sagoma snella per cui già in fase di progetto si doveva tener conto del limitatissimo spazio a disposizione. Inoltre le operazioni necessari per far decollare e recuperare l'aereo dovevano poter essere svolte il più velocemente possibile, in queste fasi infatti non potendo immergersi il sommergibile sarebbe stato particolarmente vulnerabile.Da questo punto di vista il 231 fu un successo: poteva essere contenuto in un tubo cilindrico del diametro di due metri e, nel corso di prove che vennero fatte in corso di valutazione, due operatori addestrati riuscirono a montare e a smontare l'aereo in 6 minuti.

Purtroppo le caratteristiche di volo si rivelarono deludenti, in particolare l'aereo non riusciva a decollare con un vento superiore ai venti nodi, condizioni che tendono a verificarsi piuttosto spesso in mare aperto e in particolare nelle strategiche acque dell'Oceano Atlantico. Inoltre le operazioni di recupero erano piuttosto delicate, l'areo doveva essere agganciato da una piccola gru con un mare mediamente mosso c'era il rischio di urto contro lo scafo del sottomarino.

L'Arado 231 è un idrovolante a scarponi, monoplano ad ala alta, propulso da un motore raffreddato ad aria. Furono costruiti in totale 6 esemplari di questo aereo, tutti prototipi impiegati in valutazioni.

Principali varianti dell'Arado Ar 231

  • V1-V6: furono costruiti solo sei prototipi dell'aereo che dimostrò caratteristiche di volo insoddisfacenti: troppo fragile e instabile, anche in condizione di mare calmissimo. Due dei prototipi furono impiegati operativamente, uno in particolare venne imbarcato sulla nave corsare Stier
Ultima modifica Lunedì, 02 Aprile 2018 11:33

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Germania
  • Modello: Arado Ar 231
  • Costruttore: Arado Flugzeugwerke GmbH
  • Tipo: Ricognizione
  • Pubblicità:
  • Motore:

    Hirth HM 501 a 6 cilindri in linea, raffreddato ad aria da 160 HP

  • Anno: 1941
  • Apertura alare m.: 10.16
  • Lunghezza m.: 7.80
  • Altezza m.: 3.10
  • Peso al decollo Kg.: 1.050
  • Velocità massima Km/h: 170
  • Quota massima operativa m.: 3.000
  • Autonomia Km: 500
  • Armamento difensivo:

    -

  • Carico utile Kg.: -
  • Equipaggio: 1

Altro in Luftwaffe

Blohm un Voss BV 138

Il Blohm un Voss 138 è un idrovolante a scafo centrale, trimotore ad ala alta e doppio trave di coda. I propulsori sono di tipo diesel, raffreddati a liquido.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us