Menu

Velite

Il cacciatorpediniere Velite a Malta Il cacciatorpediniere Velite a Malta

Il cacciatorpediniere italiano Velite venne impiegato per breve tempo nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Entrato in servizio, la sua prima missione operativa fu la scorta a un convoglio di rifornimenti salpato da Napoli e diretto in Libia, il 4 novembre 1942. La missione si concluse con successo e il convoglio arrivò in Nord Africa senza riportare danni.

Il 21 novembre mentre scortava un gruppo di motonavi da Biserta a Napoli, venne colpito da un siluro lanciato dal sommergibile britannico HMS Splendid subendo gravi danni; la nave riuscì a rientrare in Italia rimorchiata dal cacciatorpediniere Bombardiere e entrò in bacino per le riparazioni necessarie. Nei mesi successivi la poppa della nave, gravemente danneggiata dal siluro, venne sostituita con quella del gemello Carrista che era ancora in fase di costruzione; venne anche dotata di un moderno radar Ec3/ter "Gufo".

Alla proclamazione dell'armistizio, la nave salpò da La Spezia con il resto della squadra navale (corazzate Italia, Vittorio Veneto e Roma, incrociatori leggeri Giuseppe Garibaldi, Attilio Regolo, Duca degli Abruzzi, Eugenio di Savoia, Duca d'Aosta, Montecuccoli, cacciatorpediniere Artigliere, Fuciliere, Mitragliere, Carabiniere, Legionario, Grecale, Oriani) consegnandosi agli Alleati a Malta, dove giunse l'11 settembre, ormeggiandosi a Marsa Scirocco. Il 12 settembre si rifornì di carburante alla Valletta ed il 14 settembre lasciò l'isola, insieme a parte della squadra (Italia, Vittorio Veneto, Eugenio di Savoia, Duca d'Aosta, Montecuccoli, Cadorna, Da Recco, Artigliere, Grecale) e si trasferì ad Alessandria d'Egitto, ove giunse il 16.

Il 26 settembre 1943 salpò da Taranto insieme al gemello Artigliere e, dopo aver fatto tappa ad Alessandria d'Egitto, trasportò all'isola di Lero (sotto assedio tedesco) munizioni destinate alla guarnigione dell'isola.

Con la fine della guerra, in base agli accordi di pace, la nave venne assegnata alla Francia come parte della riparazione dei danni di guerra dove entrò in servizio con il nome di Duperre. Venne demolito nel 1961.

Ultima modifica Mercoledì, 17 Ottobre 2018 14:30

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Italia
  • Pubblicità:
  • Tipo nave: Cacciatorpediniere
  • Classe: Soldati, II Serie
  • Cantiere:

    OTO (Odero-Terni-Orlando), Livorno

  • Data impostazione: 19/04/1941
  • Data Varo: 31/08/1941
  • Data entrata in servizio: 31/08/1943
  • Lunghezza m.: 106.7
  • Larghezza m.: 10.2
  • Immersione m.: 4.35
  • Dislocamento t.: 2580
  • Apparato motore:

    2 gruppi di turbine su due assi, 3 caldaie

  • Potenza cav.: 44.000
  • Velocità nodi: 37
  • Autonomia miglia: 2200
  • Armamento:

    4 cannoni da 120/50, 1 cannone illuminante 120/15, 12 mitragliere 20/65, 6 tubi lanciasiluri da 533mm, 2 lanciatori per bombe di profondi, 2 tramogge per bombe di profondità

  • Equipaggio: 215

Altro in News

Un aereo nazista NON è precipitato in una autostrada americana

Un incidente insolito è avvenuto il 23 ottobre sull'autostrada americana 101, fortunatamente senza gravi conseguenze.
Altro in questa categoria: « Giovanni delle Bande Nere

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us