Salvate il soldato Ryan: per gli appassionati di storia

Salvate il soldato Ryan

di redazione
88 letture totali
Salvate il soldato Ryan

Diretto dal maestro Steven Spielberg e uscito nelle sale nel 1998, “Salvate il soldato Ryan” è un film che ha segnato un punto di svolta nel modo in cui la Seconda Guerra Mondiale viene rappresentata sul grande schermo. Con la sua attenzione maniacale per i dettagli storici, le sue sequenze di battaglia mozzafiato e la sua profonda esplorazione dei temi del sacrificio e dell’eroismo, questo film è un must assoluto per chiunque sia interessato a comprendere meglio uno dei conflitti più devastanti della storia umana.

La trama

La storia segue il capitano John Miller (interpretato magistralmente da Tom Hanks) e il suo squadrone di soldati mentre si imbarcano in una missione apparentemente impossibile: trovare e riportare a casa il soldato James Ryan (Matt Damon), il cui tre fratelli sono stati tutti uccisi in battaglia. L’ordine viene direttamente dal alto comando, che ritiene che la madre di Ryan non dovrebbe subire la tragedia di perdere tutti e quattro i suoi figli in guerra.

Mentre Miller e i suoi uomini si fanno strada attraverso la Francia occupata dai nazisti, affrontano non solo il nemico, ma anche le loro paure e dubbi sulla missione. Ognuno di loro porta con sé un bagaglio emotivo unico, dalle lettere dei propri cari a casa ai ricordi dei compagni caduti in battaglia.

Il realismo delle scene di battaglia

Ciò che rende “Salvate il soldato Ryan” così potente è il suo impegno per il realismo. La sequenza di apertura, che ritrae lo sbarco in Normandia, è stata elogiata per la sua brutale e sconvolgente rappresentazione della guerra. Spielberg non risparmia allo spettatore la violenza e il caos del D-Day, con soldati che vengono falciati dalle mitragliatrici, arti strappati dalle esplosioni e il mare che si tinge di rosso con il sangue dei caduti.

Per ottenere questo livello di realismo, Spielberg ha fatto ricerche approfondite, consultando veterani e storici militari. Ha anche sottoposto il cast a un intenso addestramento militare, in modo che potessero comprendere meglio l’esperienza dei soldati che stavano interpretando.

Le inesattezze storiche

Nonostante l’attenzione di Spielberg per i dettagli, “Salvate il soldato Ryan” non è privo di inesattezze storiche. Ad esempio, la missione stessa di salvare un singolo soldato è piuttosto improbabile. Nella realtà, l’esercito americano aveva una politica chiamata “Sole Survivor Policy”, che mirava a ritirare dal servizio attivo i soldati i cui fratelli erano stati uccisi, ma non avrebbe mai rischiato le vite di altri soldati per un salvataggio del genere.

Inoltre, alcune delle armi e dei veicoli mostrati nel film non erano effettivamente in uso durante lo sbarco in Normandia. Ad esempio, il carro armato tedesco Tiger I, che appare in una scena chiave, non fu utilizzato in Normandia.

L’importanza per gli appassionati di storia

Nonostante queste inesattezze, “Salvate il soldato Ryan” rimane un film essenziale per chiunque sia interessato alla Seconda Guerra Mondiale. Oltre alle sue intense sequenze di battaglia, il film offre uno sguardo approfondito sulla vita dei soldati, sulle loro paure, sui loro dubbi e sul loro coraggio di fronte all’avversità.

Il film affronta anche temi universali come il sacrificio, l’eroismo e il peso della responsabilità. Il capitano Miller, in particolare, incarna questi temi, lottando con il suo senso di dovere verso i suoi uomini e la sua missione, anche quando sembra impossibile.

Inoltre, “Salvate il soldato Ryan” ha avuto un impatto duraturo sulla percezione pubblica della Seconda Guerra Mondiale. Ha contribuito a rinnovare l’interesse per questo periodo storico e ha ispirato una nuova generazione a conoscere i sacrifici compiuti da coloro che hanno combattuto e sono morti in questa guerra.

Il “dietro le quinte”

Il making of di “Salvate il soldato Ryan” è quasi leggendario quanto il film stesso. Spielberg era determinato a realizzare il film nel modo più autentico possibile, il che significava girare in location reali e sottoporre il cast a condizioni difficili.

Le scene dello sbarco in Normandia sono state girate sulla spiaggia di Curracloe in Irlanda, scelta per la sua somiglianza con la spiaggia di Omaha, dove avvenne il vero D-Day. Spielberg ha anche utilizzato telecamere a mano e una tavolozza di colori desaturati per dare al film un senso di immediatezza e realismo.

Il cast è stato sottoposto a un campo di addestramento militare gestito dal capitano in pensione Dale Dye, che ha anche recitato nel film. Questo addestramento includeva marce forzate, pernottamenti all’aperto e pasti a base di razioni militari, il tutto progettato per dare agli attori una migliore comprensione della vita dei soldati che stavano interpretando.

Conclusione

“Salvate il soldato Ryan” è un trionfo cinematografico che combina una narrazione avvincente con un realismo sbalorditivo. Mentre può prendere qualche licenza storica, il suo impegno nel ritrarre l’esperienza del soldato comune durante la Seconda Guerra Mondiale è senza pari.

Per chiunque sia interessato a questo periodo storico, “Salvate il soldato Ryan” è un film da non perdere. Offre non solo una lezione di storia, ma anche una potente meditazione sui costi umani della guerra e sul coraggio di coloro che l’hanno combattuta.

Quindi, prendete posto, preparatevi a un’esperienza cinematografica intensa ed emozionante, e lasciatevi trasportare in uno dei momenti più cruciali della storia mondiale. “Salvate il soldato Ryan” vi lascerà sicuramente con una nuova comprensione e apprezzamento per i sacrifici compiuti da una generazione di eroi.

Informazioni aggiuntive

  • Titolo Originale: Dunkirk
  • Anno: 2017
  • Paese di produzione: USA
  • Regia: Christopher Nolan
  • Durata: 106 minuti
  • Principali interpreti:  

    Tom Hanks: John H. Miller
    Edward Burns: Richard Reiben
    Matt Damon: James Francis Ryan
    Tom Sizemore: Michael Horvath
    Vin Diesel: Soldato Adrian Caparzo
    Jeremy Davies: Timothy Upham
    Adam Goldberg: Stanley Mellish
    Barry Pepper: Soldato Daniel Jackson
    Giovanni Ribisi: Irwin Wade
    Paul Giamatti: serg. William Hill
    Ted Danson: capitano Fred Hamill
    Dennis Farina: ten. col. Walter Henderson
    Leland Orser: ten. De Windt
    Nathan Fillion: soldato Ryan del Minnesota
    Harrison Young: James Francis Ryan anziano
    Kathleen Byron: signora Ryan

     

Lascia un commento