Il ricognitore idrovolante Supermarine Walrus

Supermarine Walrus

di redazione
Pubblicato: Ultimo aggiornamento il: 219 letture totali

Il primo prototipo del Walrus volò nel 1933 e la validità del progetto è dimostrata dal fatto che questo aereo venne usato con successo per quasi tutto il corso della guerra.

Concepito come aereo da ricognizione imbarcato, questo idrovolante venne impiegato in missioni assai diverse da quelle originariamente previste quali il collegamento, il soccorso in mare e persino il bombardamento.

Il Walrus era dotato di ali ripiegabili verso l’indietro per facilitare lo stivaggio a bordo delle navi; veniva lanciato con una catapulta e il carrello retrattile permetteva anche atterraggi sulla terraferma.

Il Walrus è un’idrovolante biplano, a scafo centrale con struttura e rivestimento misti in legno e tela. L’unico propulsore è un Bristol Pegasus raffreddato ad aria azionante un’elica spingente.

Principali varianti dell’idrovolante Supermarine Walrus

  • Seagull V: versione originaria a costruzione metallica; era dotata di motore Bristol Pegasus IIM2 e fu prodotta in 24 esemplari
  • Walrus I: versione in produzione di serie, con scafo metallico. Dei 555 esemplari 285 furono prodotti dalla Supermarine e 270 su licenza dalla Saunders-Roe
  • Walrus II: versione di serie dotata di scafo in legno, prodotta in 191 esemplari, tutti costruiti dalla Saunders-Roe

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Gran Bretagna
  • Modello: Supermarine Walrus Mk. I
  • Costruttore: Saunders-Roe Ltd.
  • Tipo: Ricognizione
  • Motore:

    Bristol Pegasus II.M2, radiale a 9 cilindri, raffreddato ad aria da 775 HP

  • Anno: 1936
  • Apertura alare m.: 13.97
  • Lunghezza m.: 11.45
  • Altezza m.: 4.65
  • Peso al decollo Kg.: 3.261
  • Velocità massima Km/h: 217 a 1.450 m.
  • Quota massima operativa m.: 5.650
  • Autonomia Km: 965 
  • Armamento difensivo:

    2 mitragliatrici

     

  • Equipaggio: 4
  • Bibliografia – Riferimenti:
      

Articoli correlati

Lascia un commento