Menu

 

U-Boat U-32

U-32 in una foto ante-guerra U-32 in una foto ante-guerra This is photograph HU 1011 from the collections of the Imperial War Museums (collection no. 5003-04)

Lo U-32 apparteneva alla classe VIIA, sommergibili di tipo oceanico. Entrò in servizio il 15 aprile 1937 al comando del capitano di Corvetta Werner Lott.

Nel corso della sua carriera bellica lo U-31 prese parte a nove missioni di guerra affondando 20 navi per 116,836 tonnellate e danneggiandone altre cinque per 40,724 GRT.

L'ultima vittima dello U-32 fu il transatlantico Empress of Britain che era stato precedentemente danneggiato in un attacco aereo. Con le sue 42,348 tonnellate il transatlantico è stata la più grande nave a cadere vittima dei siluri dei sommergibili tedeschi nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

Venne affondato a Nord Ovest dell'Irlanda in un attacco con cariche di profondità portato dai cacciatorpediniere britannici HMS Harvester e HMS Highlander il 30 ottobre 1940

Navi attaccate

  • 16 settembre 1939, nave Kensingron Court (Regno Unito) 4,862 tonnellate
  • 28 settembre 1939, nave Jern (Norvegia) 875 tonnellate
  • 5 ottobre 1939, nave Marwarri (Regno Unito) 8,063 tonnellate, danneggiata con una mina
  • 6 ottobre 1939, nave Lochgoil (Regno Unito) 9,462, danneggiata con una mina
  • 31 dicembre 1939, nave Luna (Norvegia) 959 tonnellate
  • 2 marzo 1940, nave Lagaholm (Svezia) 2,818 tonnellate
  • 18 giugno 1940, nave Altair (Norvegia) 1,522 tonnellate
  • 18 giugno 1940, nave Nuevo Ons (Spagna) 108 tonnellate
  • 18 giugno 1940, nave Salvora (Spagna) 108 tonnellate
  • 19 giugno 1940, nave Labud (Yugoslavia) 5,334 tonnellate
  • 22 giugno 1940, nave Eli Knudsen (Norvegia) 9,026 tonnellate
  • 30 agosto 1940, nave Chelsea (Regno Unito) 4,804 tonnellate
  • 30 agosto 1940, nave Mil Hill (Regno Unito) 4,318 tonnellate
  • 30 agosto 1940, nave Norne (Norvegia) 3,971 tonnellate
  • 1 settembre 1940, incrociatore HMS Fiji (Royal Navy) 8,000 tonnellate (danneggiato)
  • 22 settembre 1940, nave Collegian (Regno Unito) 7,886 tonnellate (danneggiata)
  • 25 settembre 1940, nave Mabriton (Regno Unito) 6,694 tonnellate
  • 26 settembre 1940, nave Corrientes (Regno Unito) 6,863 tonnellate (danneggiata)
  • 26 settembre 1940, nave Darcoila (Regno Unito) 4,084 tonnellate
  • 26 settembre 1940, nave Tancred (Norvegia) 6,094 tonnellate
  • 28 settembre 1940, nave Empire Ocelot (Regno Unito) 5,759 tonnellate
  • 29 settembre 1940, nave Bassa (Regno Unito) 5,267 tonnellate
  • 30 settembre 1940, nave Haulerwijk (Olanda) 3,278 tonnellate
  • 2 ottobre 1940, nave Kayeson (Regno Unito) 4,606 tonnellate
  • 28 ottobre 1940, transatlantico Empress of Britain (Regno Unito) 42,348 tonnellate
Ultima modifica Domenica, 02 Agosto 2020 16:22

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Germania
  • Pubblicità:
  • Tipo nave: Sommergibile
  • Classe: VII-A
  • Cantiere:

    DeSchiMAG AG Weser di Brema

  • Data impostazione: 15/03/1936
  • Data Varo: 25/02/1937
  • Data entrata in servizio: 15/04/1937
  • Lunghezza m.: 64.51
  • Larghezza m.: 5.85
  • Immersione m.: 4.37
  • Dislocamento t.: 626 in superficie, 745 in immersione
  • Apparato motore:

    2 motori MAN diesel da 6 cilindri e due motori elettrici Brown, Boveri & Cie, 2 assi, 2 eliche

  • Potenza cav.: 2,300 diesel, 750 elettrico
  • Velocità nodi: 17 in superficie, 8 in immersione
  • Autonomia miglia: 6,200
  • Armamento:

    5 tubi lanciasiluri da 533mm, 11 siluri oppure 26 mine navali, un cannone navale da 88mm, una mitragliera da 20mm anti-aerea

  • Equipaggio: 4 ufficiali, 40-56 sottufficiali e marinai
  • Approfondimenti:

    Profondità testata: 220 metri, emergenza: 230-250 metri

Altro in Kriegsmarine

U-Boat U-33

Lo U-33 era un sommergibile di tipo VIIA, durante la Seconda Guerra Mondiale in tre  missioni di guerra affondò 11 navi, per un tonnellaggio complessivo di 22,931 GRT.

Articoli correlati

Altro in questa categoria: « U-Boat U-31 U-Boat U-33 »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us