Menu

Fuciliere

Cacciatorpediniere Fuciliere Cacciatorpediniere Fuciliere

Entrato in servizio il 10 gennaio 1939, il Fuciliere partecipò alla Battaglia di Punta Stilo, il 7 luglio 1940, svolgendo un ruolo marginale nello scontro.

Il 27 novembre dello stesso prese parte allo scontro di Capo Teulada.

Quando l'8 febbraio 1941 una formazione navale britannica si diresse verso Genova per bombardare la città, il Fuciliere, insieme ad altri cacciatorpediniere,numerosi incrociatori e  alle corazzate Vittorio Veneto, Giulio Cesare e Andrea Doria, salpò per intercettare le navi inglese senza riuscire a individuarle nè ad impedire il bombardamento della città.

Partecipò alla disastrosa battaglia di Capo Matapan come scorta alla corazzata Vittorio Veneto nel marzo 1941. Per tutto l'anno e più di metà del 1942 venne impiegato in operazioni di scorta ai convogli italiani diretti in Libia e in tentativi di intercettazione dei convogli nemici.

Prese parte alla Seconda Battaglia della Sirte (marzo 1942) e alla Battaglia di Mezzo Giugno (12-16 giugno 1942) e di Mezzo agosto (11-13 agosto 1942).

Nel corso del 1942 e nel 1943 la nave venne sottosta a lavori di ammodernamento nel corso dei quali venne eliminato il pezzo illuminante e i lanciasiluri di poppa, sostituiti con 4 mitragliere da 20mm e 2 da 37/54 antiaeree, ma soprattutto il cacciatorpediniere venne dotato di un ecogoniometro di un radar EC3/ter "Gufo".

L'8 settembre la nave si trovava a La Spezia, il giorno successivo in conformità agli ordini ricevuto salpò per dirigersi verso Malta. Durante la navigazione la formazione venne attaccata da aerei tedeschi che affondarono la corazzata Roma, il Fuciliere insieme ai gemelli Mitragliere e Carabiniere prese parte alle operazioni di soccorso ai naufraghi riuscendo a trarre in salvo 503 superstiti, si diresse quindi verso le Baleari dove venne internato fino al gennaio 1945.

Finita la guerra, in base agli accordi di pace, il Fuciliere venne ceduto alla marina militare sovietica dove venne impiegato fino al 1958 per poi essere radiato e demolito nel 1960.

Ultima modifica Sabato, 31 Agosto 2019 14:50

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Italia
  • Pubblicità:
  • Tipo nave: Cacciatorpediniere
  • Classe: Soldati, I Serie
  • Cantiere:

    Cantieri Navali Riuniti, Ancona

  • Data impostazione: 02/05/1937
  • Data Varo: 31/07/1938
  • Data entrata in servizio: 10/01/1939
  • Lunghezza m.: 106,7
  • Larghezza m.: 10,2
  • Immersione m.: 4,35
  • Dislocamento t.: 2.580
  • Apparato motore:

    2 gruppi di turbine su due assi, 3 caldaie

  • Potenza cav.: 50.000
  • Velocità nodi: 39
  • Autonomia miglia: 2.200
  • Armamento:

    4 cannoni da 120/50, un cannone illuminante da 120/15, 8 mitragliere 20/65, 6 tubi lanciasiluri da 533mm, 2 lanciatori per bombe di profondità, 2 tramogge per bombe di profondità, 48-64 mine marittime

  • Equipaggio: 13 ufficiali, 202 sottufficiali e marinai

Altro in Regia Marina

Corazziere

Intensamente impiegato nel corso della Seconda Guerra Mondiale, il Corazziere venne auto affondato dall'equipaggio il 9 settembre 1943 nel porto di Genova.
Altro in questa categoria: « Geniere Corazziere »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us