Menu

L'Uruguay mette in vendita cimeli nazisti

Nel 1939 l'incrociatore tedesco Admiral Graf Spee si auto affondò al largo di Montevideo. La suprema corte uruguayana ha stabilito che il relitto e tutto ciò che vi è contenuto appartengono allo stato ma già nel 2006 un imprenditore locale, Alfredo Etchegaray, aveva portato a galla alcuni reperti recuperandoli dal relitto. Degna di nota una enorme aquila in bronzo che stringe tra gli artigli una svastica dal peso approssimativo di 3-400 chili.

L'aquila in bronzo recuperata dal relitto della Graf Spee

Ora il governo dell'Uruguay ha deciso dì mettere in vendita questo e altri reperti che tra i collezionisti hanno un notevole valore economico, al signor Etchegaray verrà riconosciuto il 50% del ricavato. L'ambasciata tedesca di Montevideo ha chiesto alle autorità uruguayane di non dare troppo pubblicità alla cosa per non glorificare il regime nazista; i diplomatici tedeschi vorrebbero che tutti i reperti venissero lasciati sul fondo marino e che non venissero immessi sul mercato per non scatenare nostalgici del regime e del nazismo in generale.

Ultima modifica Giovedì, 17 Agosto 2017 02:24

Informazioni aggiuntive

Altro in Web

Silent Heroes

Il sito è creato dagli studenti del secondo anno del liceo Floyd Central, Ogni anno studiato la storia con le sue battaglie e i leader, qui ricercano e approfondiscono la storia degli uomini che hanno combattuto e sono morti per il loro paese, senza per questo diventare famosi.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us