Menu

Navi

Littorio

Al momento della loro entrata in servizio, nel 1940, le corazzate della classe Littorio erano le navi più potenti del mondo, sia pure non esenti da difetti le tre navi progettate costituirono la spina dorsale della Regia Marina nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

Andrea Doria

Entrata in servizio nel 1916, la corazzata venne rimodernata nel corso di lavori che durarono dal 1937 al 1940 e che ne modificarono moltissimo la struttura, dotando allo stesso tempo la nave di un armamento antiaereo per l'epoca avveniristico.

Conte di Cavour

Entrata in servizio nel 1915, la corazzata italiana Conte di Cavour venne quasi completamente ricostruita tra il 1933 e il 1937 secondo un progetto del generale Francesco Rotondi ed era una nave di concezione moderna al momento dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Giulio Cesare

La Giulio Cesare era una corazzata della classe Conte di Cavour, dopo aver servito nella prima guerra mondiale nel 1937 venne rimodernata con dei lavori che interessarono il 60% della struttura originale, nell'ultima guerra prese parte alla battaglia di Punta Stilo.

Sparviero

La Sparviero è stata una portaerei progettata per la marina italiana, ricavata modificando lo scafo del transatlantico Augustus che non fece in tempo ad entrare in servizio a causa dell'armistizio e della fine della guerra.

Aquila

Realizzata modificando lo scafo del transatlantico Roma la nave era completata al 90% l'8 settembre 1943 quando venne danneggiata dall'equipaggio per evitare che cadesse intatta in mani tedesche.

Orion (HSK 1)

La Orion fu la prima nave corsara tedesca impiegata nel corso della Seconda Guerra mondiale, conosciuta anche come "Schiff 36" o "Raider A" nel corso della sua crociera durata 510 giorni causò l'affondamento di 17 navi nemiche per 106.405 tonnellate di dislocamento.

Atlantis (HSK 2)

In una crociera lunga 100.000 miglia l'Atlantis affondò o catturò 22 navi nemiche per un totale di 144.00 tonnellate di dislocamento. Conosciuta anche come "Schiff 16" o "Raider E" venne affondata il 22 novembre 1941 dall'incrociatore inglese HMS Devonshire.

Widder (HSK 3)

Costruita come mercantile nel 1930, la nave venne convertita in incrociatore ausiliario (nave corsara) e ribattezzata Widder. Conosciuta anche come Schiff 21 e Raider D nella sua unica crociera affondò 10 navi avversarie per un totale di 58.644 tonnellate riuscendo a tornare in patria dove venne giudicata non più idonea all'impiego militare a causa della grande usura cui era stata sottoposta.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us