Menu

Mitsubishi J2M Raiden

Mitsubishi J2M Raiden Mitsubishi J2M Raiden

Quasi contemporaneamente alla specifica origine dello Zero, le autorità giapponesi richiesero all'industria un caccia dotato di prestazioni più "occidentali", ovvero dotato di velocità e armamento pesante, piuttosto che autonomia e maneggevolezza. Queste diedero vita al Mitsubishi J2M Raiden (Fulmine).

Il progetto fu perseguitato dalla sfortuna: benchè sulla carta l'aereo fosse assai valido, numerose componenti rivelarono difetti che andavano eliminati prima della produzione di massa; i principali riguardavano il carrello, il motore e il tettuccio che secondo i piloti offriva una troppo scarsa visibilità.

La produzione iniziò solo nel 1943 ed in totale furono costruiti meno di 500 esemplari del Raiden, detto Jack; quasi tutti vennero usati nella difesa del territorio giapponese dagli attacchi dei quadrimotore alleati, compito in cui se ne poteva sfruttare il pesante armamento.

Il Mitsubishi J2M è un monoplano monomotore ad ala bassa, carrello retrattile e motore raffreddato ad aria. Nel codice alleato era chiamato Frank.

Principali varianti del Mitsubishi J2M Raiden

  • J2M1: prototipo equipaggiato con motore Mitsubishi MK4C Kasei 13, radiale a 14 cilindri, raffreddato ad aria da 1.400 hp armato con con due mitragliatrici Type 97 da 7.7mm sulla capottatura del motore e due cannoni Type 99 Model II da 20mm montati nelle ali; ne vennero costruiti 8 esemplari
  • J2M2 Model 11: motore Mitsubishi MK4R-A Kasei 23a, radiale a 14 cilindri da 1.850 hp, steso armamento del J2M1
  • J2M3 Model 21: versione armata con 2 cannoni Type 99 Model II e 2 Type 99 Model I, tutti da 20mm di calibro
  • J2M3a Model 21A: versione armata con 4 cannoni Type 99 Model II da 20mm alloggiati nelle ali
  • J2M4 Model 32: prototipo con motore Mitsubishi MK4R-C Kasei 23c da 1.820 hp, vennero sperimentate diverse configurazioni dell'armamento, ad esempio provando ad alloggiare in fusoliera un cannone Type 99 Model I da 20mm per sparare verso l'alto e in avanti oppure 2 cannoni Type 99 Model II nello spessore delle ali e altri due Type 99 Model I in gondole subalari
  • J2M5 Model 33: versione progettata per l'intercettazione da alta quota, dotata di motore Mitsubishi MK4U-A Kasei 26a da 1.820 hp con compressore meccanico per garantire migliori prestazioni in alta quota, armata con due cannoni Type 99 da 20mm in fusoleriera e altri due Type 99 Model II da 20mm nello spessore alare
  • J2M6 Model 31: versione sviluppata prima della J2M4 e J2M5 con abitacolo più largo e tettuccio a goccia migliorata (utilizzata successivamente sul J2M3); costruita a partire dal luglio 1943
  • J2M6a Model 31A: versione sviluppata prima della J2M4 e J2M5 e basata sulla J2M3a con abitacolo di dimensioni maggiori e tettuccio a goccia usato a partire dal luglio 1943; ne venne costruito un solo esemplare
  • J2M7 Model 23A: versione basata sulla J2M3 con motore Kasei 26a, rimasta allo stadio di progetto
Ultima modifica Venerdì, 12 Ottobre 2018 08:47

Informazioni aggiuntive

  • Nazione: Giappone
  • Modello: Mitsubishi J2M3 Raiden
  • Costruttore: Mitsubishi Jukogyo K.K.
  • Tipo: Caccia
  • Pubblicità:
  • Motore:

    Mitsubishi MK4R-A 23a, radiale a 14 cilindri, raffreddato ad aria, da 1.800 HP

  • Anno: 1943
  • Apertura alare m.: 10.80
  • Lunghezza m.: 9.94
  • Altezza m.: 3.94
  • Peso al decollo Kg.: 3.435
  • Velocità massima Km/h: 587 a 5.300 m.
  • Quota massima operativa m.: 11.700
  • Autonomia Km: 1.900
  • Armamento difensivo:

    4 cannoni da 20mm

  • Carico utile Kg.: 120
  • Equipaggio: 1

Altro in Aviazione giapponese

Nakajima Ki-44 Shoki

Il Nakajima Ki-44 (Tojo, secondo il codice di denominazione alleato, è un caccia monomotore monoplano ad ala bassa, carrello retrattile e motore raffreddato ad aria, caratterizzato dalla corta e tozza fusoliera.
Altro in questa categoria: « Kawanishi N1K Kyofu Nakajima Ki-44 Shoki »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us