Menu

Giugno 2019

Helene Riefenstahl

  • Pubblicato in Fatti

Helene Riefenstahl, detta "Leni", come regista girò alcuni film per il regime nazista tra cui "Il trionfo della volontà" e Olympia" sono sicuramente i più famosi. Molti dei suoi film sono ancora oggi proibiti in alcuni nazioni per il loro carico di odio, tuttavia sono interessanti e vengono studiati in alcune università per mostrare il funzionamento della propaganda sull'arte cinematografica.
L'attrice e regista tedesca è morta di cancro, nel 2001, all'età di 101 anni.

Il grande dittatore

  • Pubblicato in Fatti

Charlie Chaplin girò il film "Il grande dittatore" nel 1940, per l'attore si trattava del primo film in cui aveva un ruolo con dei dialoghi. Il film prendeva chiaramente in giro Hitler e Mussolini, in particolare il leader tedesco era ritratto con un pazzo isterico urlante, pericoloso e fuori controllo. Per questo film Chaplin finì nella lista nera di Hitler.

Le ceneri di Hitler

  • Pubblicato in Fatti

Dopo il suicidio di Hitler il suo cadavere venne bruciato e le ceneri del cadavere vennero ripetutamente spostate per evitare che il luogo della sepoltura diventasse un centro di attrazione per nostalgici e simpatizzanti del regime nazista. Questo fatto ha contribuito a creare alcune storielle del dopoguerra secondo le quali Hitler era ancora vivo e il suoi suicidio una messa in scena. Complottismi di altri tempi.

Il ragazzo di Unity Mitford

  • Pubblicato in Fatti

Unity Mitford era una donna inglese che aveva avuto una relazione sentimentale con Hitler. Nel 1945 una ragazza le annunciò la notizia del suicidio del Fuhrer con queste parole:" mi dispiace, Unity, il tuo ragazzo è morto".

I cani di Hitler

  • Pubblicato in Fatti

Prima di suicidarsi Adolf Hitler e Eva Braun uccisero i loro cani con le stesse pillole di cianuro che usarono per loro stessi poco dopo.

I bombardamenti sulla Germania

  • Pubblicato in Fatti

Secondo alcuni studi teorici del dopoguerra, sarebbe stato possibile metter fine alle ostilità in Europa costringendo la Germania alla resa semplicemente scegliendo meglio gli obiettivi dei bombardamenti aerei, secondo queste stime infatti solo l'1% delle bombe sganciate sulla Germania poteva essere sufficiente, sarebbe bastato colpire le centrali elettriche tedesche per bloccare in poche settimane l'intera nazione.

La resa del Giappone

  • Pubblicato in Fatti

Il 15 agosto 1945 l'imperatore del Giappone Hiro Hito trasmise via radio un discorso in cui spiegava alla nazione che era arrivato il momento di mettere fine alla guerra e accettare le condizioni di resa imposte dagli alleati. Il discorso venne pronunciato in un giapponese molto "classico", in molte regioni del Pacifico la trasmissione arrivò molto disturbata inoltre molti giapponesi non avevamo mai sentito prima di quel momento la voce dell'imperatore, per tutti questi motivi ci furono molti casi in cui il messaggio non venne capito o venne ritenuto falso.

Il programma atomico tedesco

  • Pubblicato in Fatti

La Germania nazista non investì denaro e risorse in ricerche sulla fisica nucleare. Secondo alcune speculazioni post-belliche tra le motivazioni c'era il fatto in Germania la maggior parte dei fisici erano ebrei.

La più grande scommessa della storia

  • Pubblicato in Fatti

Il presidente Truman disse, a proposito del progetto Manhattan ovvero la costruzione della prima bomba atomica: "gli Stati Uniti hanno messo due miliardi di dollari come posta della più grande scommessa della storia, e l'abbiamo vinta".

Necessary Evil

  • Pubblicato in Fatti

Tutti conoscono il nome dell'aereo che sganciò la prima bomba atomica sulla città giapponese di Hiroshima, era un Boeing B-29 soprannominato Enola Gay". Quel giorno in volo c'era un secondo apparecchio, disarmato, che si occupò della documentazione fotografica, questo secondo B-29 quel giorno non aveva ancora un soprannome ma venne in seguito battezzato "Necessary Evil", il male necessario.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us