Menu

Giugno 2019

L'umorismo della Volkssturm

  • Pubblicato in Fatti

La Volkssturm era la milizia impiegata dalla Germania soprattutto negli ultimi mesi della Seconda Guerra Mondiale e impiegava soprattutto vecchi, bambini e altri uomini precedentemente ritenuti non adatti al servizio attivo. I vecchietti della Volkssturm non mancavano di senso dell'umorismo, tra le tante facevano circolare questa storiella:" sapete perchè noi della volkssturm siamo l'arma più preziosa della Germania? Perchè abbiamo argento sulla testa, oro in bocca e piombo nelle ossa".

L'imperatore del Giappone

  • Pubblicato in Fatti

Il titolo dell'imperatore del Giappone è Tennō (天皇) che letteralmente significa sovrano celeste.

Le ragioni del Giappone

  • Pubblicato in Fatti

Uno dei problemi del Giappone era legato alla sua stessa natura, essendo un arcipelago di dimensioni relativamente modeste dipendeva dalle importazioni per una grandissima quantità di materie prime, generi alimentari e anche beni di consumo. Le sanzioni imposte al paese del Sol Levante erano particolarmente efficaci e fu proprio per avere accesso a materie prime essenziali che iniziarono le prime campagne di espansione in Manciuria e in Corea e questa politica espansionistica era sostanzialmente condivisa dalla maggior parte della popolazione.

Béla Bartók

  • Pubblicato in Fatti

Il famoso compositore ungherese Béla Bartók protestò spesso pubblicamente contro alcune delle decisioni del suo paese, in particolare non fece mai mistero della sua avversioni all'adozione delle leggi anti-ebraiche e al coinvolgimento dell'Ungheria come alleato della Germania nazista. Nonostante questo venne spesso invitato a suonare in Germania, anche in occasioni di eventi di altissimo livello, organizzati dal regime. Questo anche perchè in quel periodo in Germania c'era una certa scarsità di musicisti dato che quelli di origine ebraica non potevano esibirsi pubblicamente.

Le leggi ungheresi

  • Pubblicato in Fatti

Durante la Seconda Guerra Mondiale l'Ungheria apparteneva ai paesi dell'Asse, durante la guerra promulgò una serie di leggi anti ebraiche sostanzialmente identiche alle famigerate leggi di Norimberga naziste.

Berlino negli anni 20

  • Pubblicato in Fatti

Negli anni '20 la Germania era un paese sorprendentemente liberale per quanto riguarda la sessualità, Berlino era la capitale del mondo per quanto riguarda la cultura gay. Quando i nazisti presero il potere il regime etichettò l'omosessualità come "comportamento antisociale" facendo moltissime vittime.

Il fuso orario francese

  • Pubblicato in Fatti

Prima della Seconda Guerra Mondiale in Francia si usava lo stesso fuso orario dell'Inghilterra, con l'occupazione tedesca i francesi furono costretti ad usare lo stesso fuso orario usato in Germania. Questo cambiamento forzato è rimasto e ancora oggi Francia e Germania usano lo stesso fuso orario.

Il carattere di Churchill

  • Pubblicato in Fatti

Winston Churchill venne eletto primo ministro della Gran Bretagna allo scoppio della guerra, era famoso per la sua personalità piuttosto... spigolosa e il suo carattere sfacciato in quel particolare momento storico contribuì ad aumentarne la popolarità. Circolava una leggenda urbana che era piuttosto credibile e che rende l'idea del personaggio, secondo questa storiella una volta una donna avrebbe detto a Churchill: "se lei fosse mio marito metterei del veleno nella sua cena". Fulminea la risposta:" signora, se lei fosse mia moglie mangerei quel cibo".

La resistenza economica

  • Pubblicato in Fatti

Uno dei metodi che i Francesi usarono per opporsi all'occupazione nazista fu economico: i lavoratori delle miniere di carbone in Francia entrarono in sciopero, interrompendo così le consegne di materia prima dirette in Germania.

I Cajun

  • Pubblicato in Fatti

Nel sud degli Stati Uniti e in particolare in Lousiana c'era un consistente gruppo di popolazione Cajun, canadesi di lingua francese (Acadian) che erano stati deportati due secoli prima. I Cajun dell'esercito statunitense furono impiegati per collaborare attivamente con la resistenza francese.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us