Menu

Le armi del B-17

  • Pubblicato in Fatti

Il B-17G aveva 10 mitragliatrici calibro .50 come armamento difensivo. Le postazioni di fuoco includevano: una postazione a mitragliatrice singola a sinistra e una a destra, una torretta dorsale e una ventrale, una doppia mitragliatrice in coda e una sul muso.

Lo YB-40

  • Pubblicato in Fatti

Lo YB-40 era un B-17 modificato, pensato come cannoniera volante per proteggere gli altri bombardieri nel periodo in cui non erano ancora disponibili caccia di scorta a lungo raggio. L'armamento dei caduta era sostituito da una corazzatura supplementare ed aveva un maggior numero di mitragliatrici. L'incremento di peso in questa particolare variante era tale che per arrivare in quota impiegava quasi il doppio del tempo dei suoi omologhi da bombardamento.

Il progetto del B-17

  • Pubblicato in Fatti

L'USAAC, lo U.S. Army Air Corps emanò il bando per il progetto del B-17 l'8 agosto 1934 per rimpiazzare il più piccolo Martin B-10 che in quel periodo cominciava a mostrare i segni dell'anzianità del progetto.

La spesa per i B-17

  • Pubblicato in Fatti

In totale sono stati prodotti 12.731 B 17 per una spesa complessiva corrispondente a 38 miliardi di dollari attuali

Il costo di un B-17

  • Pubblicato in Fatti

Nel 1940 produrre un B-17 costava appena 200.000 dollari. Più o meno corrispondono a 3 milioni di dollari attuali.

La birra di Niels Bohr

  • Pubblicato in Fatti

Il fisico nucleare Niels Bohr venne liberato dalla Danimarca occupata dalle truppe tedesche. Nel corso dell'azione, mentre i combattenti della resistenza danese fornivano il fuoco di copertura egli fuggì dalla porta di servizio ma non senza essersi fermato al frigorifero per recuperare una bottiglia di birra contenente della preziosissima acqua pesante che non voleva lasciare nelle mani del nemico. Arrivò in Inghilterra con ancora in pugno la bottiglia che conteneva... birra. E' molto probabile che l'acqua pesante se la sia bevuta qualche soldato tedesco, al momento dell'occupazione dell'appartamento.

La mensa ufficiali

  • Pubblicato in Fatti

Nel corso dell'attacco giapponese a Hong Kong gli ufficiali britannici protestarono vibratamente nei confronti dei soldati canadesi che prendevano posizione nella mensa ufficiali.

Il mistero dei passeggeri evanescenti

  • Pubblicato in Fatti

Il MISS ME era un piper da ricognizione e collegamento, disarmato, dell'esercito americano. Mentre era impegnato a dirigere il fuoco dell'artiglieria si imbatté in un suo omologo tedesco, anch'esso disarmato. Il pilota americano picchiò in direzione di quello tedesco mentre il copilota lo prendeva a pistolettate, danneggiando l'aereo nemico al punto da costringerlo a un atterraggio di emergenza. Anche gli americani atterranno prendendo prigionieri i due membri di equipaggio della Luftwaffe e riportandoli alla base. Non si sa come abbiano fatto a trasportarli dato che il Piper aveva solo due posti.

Le ferrovie tedesche

  • Pubblicato in Fatti

Al D-Day i tedeschi avevano 1.5 milioni di persone impegnate a lavorare per le ferrovie che avevano a disposizione un totale di 988.000 vagoni merce movimentandone 29.000 al giorno.

Il D-Day a Kiska

  • Pubblicato in Fatti

Dopo un massiccio bombardamento 35.000 uomini, tra americani e canadesi, sbarcarono sull'isola di Kiska. Nel corso degli scontri a fuoco ci furono 21 morti in tutto. Sarebbe potuta andare anche peggio, per fortuna sull'isola non c'era un solo militare giapponese.

Soldati tedeschi Made in Corea

  • Pubblicato in Fatti

Tra i primi prigionieri "tedeschi" fatti in Normandia c'erano alcuni Coreani. Questi erano stati costretti a combattere per l'esercito giapponese fino a quando non sono stati catturati dai Russi per essere costretti nuovamente a combattere con l'uniforme dell'Armata Rossa fino a quando non sono stati catturati dai Tedeschi e quindi forzati a combattere per il Terzo Reich; a questo punto vennero presi prigionieri in uniforme tedesca da parte delle truppe alleate.

Lo sbarco della Coca Cola

  • Pubblicato in Fatti

Per lo sbarco in Nord Africa l'esercito americano tra i vari equipaggiamenti portò 3 impianti per l'imbottigliamento della Coca Cola.

L'esercito della Luftwaffe

  • Pubblicato in Fatti

Verso la fine della guerra l'aeronautica militare tedesca, la Lufwaffe, aveva in totale 22 divisioni di fanteria, 2 divisioni corazzate e 11 divisioni di paracadutisti. Nessuna di queste era in grado di compiere operazioni aeree. L'esercito tedesco aveva invece paracadutisti in grado di compiere operazioni aerotrasportate.

Incidenti aerei

  • Pubblicato in Fatti

La Luftwaffe perse il 40-45% dei suoi aerei a causa di incidenti.

Gli ufficiali tedeschi

  • Pubblicato in Fatti

Nel corso della guerra, mediamente, ogni ufficiale tedesco è stato rimpiazzato 9.2 volte

Aviatori scoreggioni

  • Pubblicato in Fatti

Un certo numero tra gli uomini degli equipaggi degli aerei, durante la guerra morì a causa delle scoregge. A 8000 metri di quota in un abitacolo non pressurizzato i gas intestinali infatti si espandono fino al 300%!

Amerika Bomber

  • Pubblicato in Fatti

Il bombardiere tedesco Me264 sarebbe stato in grado di bombardare New York ma probabilmente non avrebbe ottenuto grandi risultati e di questo gli stessi Tedeschi erano consapevoli.

L'urina del Reno

  • Pubblicato in Fatti

Quando gli Alleati raggiunsero il Reno si diffuse l'abitudine per cui ogni militare che raggiungeva il fiume, come prima cosa ci doveva fare pipì. Questo rituale si diffuse a tutti i livelli, coinvolgendo i semplici fanti ma anche Winston Churchill e il generale Patton (che si fece fotografare nello svolgimento del rito).

I proiettili traccianti

  • Pubblicato in Fatti

Era piuttosto comune sugli aerei da caccia caricare i nastri delle mitragliatrici mettendo un proiettile tracciante ogni 5 per aiutare nella mira. Era un grosso errore. Tanto per cominciare i traccianti hanno una balistica differente, in particolare sulle lunghe distanze, per cui se i traccianti colpivano il bersagli matematicamente l'80% dei colpi sparati finiva invece fuori bersaglio. Come se non bastasse i traccianti avvertivano la vittima annullando l'effetto sorpresa.

Ancora peggiore era la pratica di caricare una serie continua di traccianti alla fine del nastro, questo avvertiva amici e nemici che le munizioni stavano per finire il che non era una gran bella idea. Le unità che smisero di usare i proiettili traccianti videro quasi raddoppiare le percentuali di abbattimento e contestualmente diminuire le perdite.

Non ci sono vie di mezzo tra i piloti da caccia

  • Pubblicato in Fatti

Generalmente parlando non esiste il pilota da caccia "medio". Ci sono gli Assi e i Bersagli Volanti. Ad esempio l'asso dell'aviazione giapponese Hiroyoshi Nishizawa abbatté un totale di 80 aerei per morire mentre viaggiava come passeggero su un aereo da trasporto.

Le centrali elettriche tedesche

  • Pubblicato in Fatti

La rete di distribuzione dell'energia elettrica in Germania era molto più vulnerabile di quanto si pensasse. E' stato calcolato che se solo l'1% delle bombe sganciate complessivamente sulle industrie belliche fosse stato invece utilizzato per colpire le centrali elettriche, il complesso industriale tedesco sarebbe rapidamente collassato.

Aviatori americani

  • Pubblicato in Fatti

Complessivamente i militari americani contarono più morti tra i membri dell'aviazione che tra i Marines. Gli equipaggi dovevano completare 30 missioni prima di essere congedati e avevano il 71% di possibilità di essere uccisi. Non che i bombardieri fossero indifesi, un B17 portava in una missione tipica 4 tonnellate di bombe e 1.5 tonnellate di munizioni per le mitragliatrici. L'8° Air Force abbattè in totale 6.098 aerei nemici, uno ogni 12.700 colpi esplosi.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us