Menu

Maggio 2019

L'alleato sgradito

  • Pubblicato in Fatti

Nè i tedeschi nè gli americani si dimostrarono particolarmente entusiasti all'idea di avere i Russi come alleati. Nel 1939, commentando l'alleanza tra Germania e Unione Sovietica, il New York Times scriveva: "La Germania ha abbattuto la sua preda e ora la Russia Sovietica si occuperà di quella parte della carcassa che la Germania non vuole. Svolgerà il nobile ruolo della iena che aiuta il leone tedesco.

L'opposizione sudafricana

  • Pubblicato in Fatti

In Sudafrica c'era un'organizzazione filo-tedesca chiamata Ossewabrandwag, esplicitamente anti-britannica, che si opponeva politicamente all'entrata in guerra del paese al fianco degli Alleati. Alla fine il governo sudafricano decise di onorare i patti e di dichiarare guerra alla Germania, molti degli esponenti di Ossewabrandwag furono incarcerati.

Il Sudafrica entra in guerra

  • Pubblicato in Fatti

Il Sudafrica era una delle nazioni legate al Commonwealth britannico, tuttavia non c'era tutta questa voglia di entrare in un'altra guerra mondiale alla fine degli anni trenta. Tecnicamente il Sud Africa era legalmente obbligato a scendere in campo dal trattato di difesa comune anglo-polacco che aveva sottoscritto. Tuttavia meno di 50 anni prima il Sud Africa aveva combattuto contro la Gran Bretagna (aiutato dalla Germania) nelle guerre boere. Come se non bastasse in Sud Africa c'erano molte famiglie di discendenza tedesca le quali erano ovviamente contrarie ad entrare in guerra contro il proprio paese d'origine.
Per tutti questi motivi il Sud Africa entrò in guerra contro la Germania con scarsissimo entusiasmo.

Il Canada in guerra

  • Pubblicato in Fatti

Il Canada è una delle più grandi e più importanti ex-colonie britanniche, la sua indipendenza risale al 1860. Con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale molti cittadini canadesi protestarono rumorosamente perchè il paese si trovò coinvolto nella guerra quasi inconsapevolmente e così, venti anni dopo, il Canada aspettò ben 9 giorni prima di seguire la Gran Bretagna e dichiarare guerra alla Germania il 10 settembre 1939.

Simpatizzanti americani

  • Pubblicato in Fatti

Negli Stati Uniti c'erano parecchi simpatizzati del regime nazista e non solo nella popolazione di origine tedesca. Negli anni precedenti al conflitto si diffusero in America molti simpatizzanti per i nazisti per varie ragioni, alcuni credevano che la Germania fosse stata ingiustamente umiliata con le condizioni del trattato di pace imposto alla fine della prima guerra mondiale, altri condividevano sentimenti genericamente anti-semiti.

Edoardo VIII

  • Pubblicato in Fatti

Edoardo VIII, re d'Inghilterra, abdicò nel dicembre 1936 per essere libero di sposare la donna che amava, che era divorziate. Le sue simpatie per il nazismo erano note, tanto che per un certo periodo si diffusero delle dicerie che dicevano fosse un vero e proprio agente al servizio della Germania.

L'inflazione in Germania negli anni '20

  • Pubblicato in Fatti

Dopo la fine della Prima Guerra Mondiale il mondo intero cominciò a sperimentare gli effetti dell'inflazione, questa secondo molti economisti è all'origine della grande depressione iniziata negli Stati Uniti nel 1929 ma in Germania si manifestò in modo devastante. Per rendersene conto basta pensare che un dollaro, durante la Grande Guerra, valeva circa 5 marchi tedeschi, nel 1923 per comprare un dollaro americano erano necessari 4.000.000.000.000 (quattromila miliardi di marchi).

L'autoritratto di Hitler

  • Pubblicato in Fatti

All'età di 21 anni Adolf Hitler dipinse un autoritratto, il fatto che in questo quadro il volto non sia visibile è stato interpretato da critici d'arte e psicologi come un segnale della sua scarsissima considerazione per il valore della vita umana.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us