Menu

Articoli filtrati per data: Sabato, 01 Giugno 2019

I Cajun

  • Pubblicato in Fatti

Nel sud degli Stati Uniti e in particolare in Lousiana c'era un consistente gruppo di popolazione Cajun, canadesi di lingua francese (Acadian) che erano stati deportati due secoli prima. I Cajun dell'esercito statunitense furono impiegati per collaborare attivamente con la resistenza francese.

La croce di Lorena

  • Pubblicato in Fatti

La resistenza francese adottò come simbolo la croce di Lorena, una croce con due barre orizzontali. Non erano i primi ad usare questo simbolo, tra i notevoli precedessori ci fu Giovanna d'Arco che aveva questo simbolo sulla cotta dell'armatura.

La battaglia di Francia

  • Pubblicato in Fatti

Nonostante la superiorità numerica dell'esercito francese, la battaglia di Francia durò soltanto 46 giorni e la Francia fu costretta a capitolare.

L'esercito francese nel 1940

  • Pubblicato in Fatti

Nel 1940 l'esercito francese era più grande di quello tedesco, sia come numero di uomini sia come armamenti.

La metropolitana durante il Blitz

  • Pubblicato in Fatti

Durante il "Blitz" la metropolitana di Londra (soprannominata dai londinesi The Tube, il tubo) finì per diventare un enorme rifugio antiaereo, popolare ed efficace. Durante i bombardamenti circa 150.000 persone andavano a dormire sui marciapiedi e nelle gallerie della metropolitana.

Stress post traumatico

  • Pubblicato in Fatti

Nel corso del "Blitz" gli alti livelli in Gran Bretagna avevano previsto che tra la popolazione si sarebbe scatenate vaste ondate di panico, tentativi di suicidio e in generale gravi malattie mentali. Per questo motivo vennero creati delle cliniche specializzate nel trattamenti di quello che oggi chiameremmo "Stress post traumatico".
Tutte queste cliniche vennero chiuse dopo pochi mesi per mancanza di pazienti, apparentemente i londinesi e i britannici in generale, anche sotto i pesanti bombardamenti del 1940 erano molto determinati a vincere la guerra e non lasciarsi sopraffare psicologicamente dagli attacchi.

Il rossetto in guerra

  • Pubblicato in Fatti

Girava voce che Hitler odiasse il rossetto, secondo lui rovinava la naturale bellezza femminile. Per questo motivo durante la guerra le donne britannico erano incoraggiate a usarlo e, a differenza di tutti gli altri cosmetici, il rossetto non fu mai razionato in quanto veniva considerato importante per il morale.

La principessa inglese

  • Pubblicato in Fatti

Una principessa inglese durante la Seconda Guerra Mondiale lavorò come autista e come meccanico. Probabilmente ne avete sentito parlare: è l'attuale regina, Elizabeth II.

Il razionamento per i civili

  • Pubblicato in Fatti

Il razionamento del cibo in Gran Bretagna in alcuni momenti fu molto stretto, soprattutto con i civili, al punto che un biologo per vincere la fame si mangiò una delle sua cavie da laboratorio.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sezioni

Bibliografia e fonti

Le nazioni in guerra

Risorse & approfondimenti

Informazioni

Follow Us